Uno stile di corsa perfetto non esiste, ogni atleta adatta lo stile alle proprie caratteristiche fisiche e costruisce la propia tecnica, ogni movimento che possa limitare la normale corsa costa fatica ed energia inutile.

Per quanto riguarda l’appoggio del piede sicuramente da evitare l’appoggio di tallone a gamba tesa

Appoggio sbagliato

questa tecnica provoca mini sollecitazioni che possono provocare microtraumi e infiammazioni all’arto inferiore e schiena .

L’appoggio ideale è di avampiede , ovvero la parte anteriore del piede e successivamente appoggia la parte centrale mantenendo sempre il tallone scarico da peso del corpo  , questo ci permetterà di utilizzare energia elastica muscolare del tricipite surale (polpaccio) e dei muscoli plantari   migliorando il rendimento della corsa , l’appoggio dovrà cadere all’incirca sotto il baricentro del nostro corpo con un angolo di ginocchio intorno ai 30 °

Appoggio corretto
E’ anche vero che se corri distanze lunghe il tuo appoggio tenderà ad essere con tutta la pinte del piede contemporaneamente per via dell’affaticamneto muscolare .

Appoggio simultaneo

La postura  del corpo deve essere eretta naturale  con uno sbilanciamento leggermente anteriore,   la muscolatura del tronco  in uno stato rilassato di poca tensione senza rigidità . Lo sguardo è rivolto in avanti con la testa dritta , spalle aperte, le braccia sono con un angolo di 90°
e si muovono in alternanza al passo portando il gomito leggermente indietro, questo ci permetterà
di avere più equilibrio nella falcata.

Per migliorare la tecnica di corsa è indispensabile avere le strutture musoloarticolari il più funzionale possibili , forti ma allo stesso tempo elasticche  , quindi diventa fondamentale un training adeguato che comprenda propiocezione , elasticità e forza funzionale

call to action articoloARTICOLI CORRELATI

Condividi
     Academia Chinesiologica ® 2018

info@academiachinesiologica.it    

   

Privacy Policy

Cookie Policy